Lo chef Alessandro Garzillo invita a... Conversazioni con
  • Carine Cooreman
  • Carmelo Occhipinti
  •  
    21 Giugno - Un delitto in Olanda
    La storia si svolge in un piccolo paese olandese, Delfzijl, in un ambiente benestante protestante imbevuto di puritanismo. È una delle inchieste di Maigret alla ricerca della verità circa l’omicidio di un certo Conrad Popinga, professore alla Scuola navale di Delfzijl, sposato senza figli. Avrebbe tutto per essere felice, invece vive da insoddisfatto e rassegnato e fa pagare a chi lo circonda il sacrificio della sua mancata libertà. Non osa dire a sua moglie il fallimento del loro rapporto. L’indagine di Maigret permette di osservare le relazioni fra soggetti e la patologia del loro rapporto. Tra Conrad, in particolare e sua moglie, sua cognata, la sua giovane e bella amante Beetje, un professore francese Duclos, invitato dai Popinga e presunto omicida. Maigret scoprirà l’imputabilità di ciascuno, lasciando in secondo piano la soluzione dell’enigma, sarà la cognata la colpevole del delitto, ma finalmente lo scrittore denuncia ognuno per aver sostenuto un tale ordine soffocante, opposto al beneficio ed alla libertà di moto di ognuno dei protagonisti. Questo giallo è una fotografia sorprendente in quanto riproduce fedelmente il rapporto dei soggetti con le cose della realtà circostante, il paesaggio, l’interno delle case. Analizza il decadimento delle relazioni quando sono affette dal silenzio della rimozione, quando si fissano e bloccano ogni mossa di correzione possibile, di riconoscimento dell’errore. Cosi rimane soltanto la rinuncia alla logica dell’amore.